Diritti
Diritti

Una scuola sicura, inclusiva e di qualità per i bambini siriani


Il progetto si propone di garantire l’accesso a un’istruzione sicura, inclusiva e di qualità ai bambini siriani.

Siria
Paese (*)
Siria
Beneficiari
Beneficiari (*)
17262

Partners locali

MoE – Ministero dell’Istruzione

Enti finanziatori

ONU – OCHA

Provincia Autonoma di Bolzano

Data inizio progetto

01/12/2016

Durata

12 mesi 

Descrizione
In Siria, circa 2.1 milioni di bambini non hanno accesso all’istruzione, specialmente all’istruzione di base. Solo nel Governatorato di Deir-ez-Zor sono 0.4 milioni i bambini che non hanno accesso all’istruzione. In linea con l'iniziativa No Lost Generation (NLG), gli standard minimi INEE per l'istruzione in contesti di emergenza, e il IV obiettivo dell’Agenda ONU per lo Sviluppo Sostenibile, il progetto mira a garantire l'accesso all’istruzione – sicura, equa e di qualità - per i bambini e gli adolescenti colpiti dalla crisi a Deir-ez -Zor. L'accesso all'istruzione è promossa tramite la riabilitazione di 29 scuole (per un totale di 266 classi) nelle quali è garantita la fornitura di servizi igienico-sanitari, secondo approcci inclusivi e di genere, condivisi dall’UNICEF e dagli operatori del Settore dell’Educazione. Agli studenti inoltre è garantita la fornitura del materiale didattico. Il miglioramento della qualità dell’istruzione è sostenuto tramite la condivisione con gli insegnanti delle Life Skills – Based Education e l’educazione alla cittadinanza - tematiche incorporate nei formali contesti di apprendimento.
Obiettivi

Vogliamo assicurare l’accesso a un’istruzione sicura, equa e di qualità ai bambini e agli adolescenti vittime del conflitto siriano  crisi a Deir-ez-Zor. L’intervento è teso ad aumentare le opportunità di educazione formale per i ragazzi e le ragazze residenti nelle aree più difficili da raggiungere.

Si prevede di utilizzare risorse didattiche esistenti, di rafforzare le capacità locali e di promuovere la coesione comunitaria.

Attività
  • Riabilitazione di 29 scuole, per un totale di 266 classi, tramite piccoli interventi di ristrutturazione della struttura e dei servizi igienico-sanitari;
  • Fornire kit didattici: libri di testo, materiale per l’insegnamento e l’apprendimento e materiale scolastico;
  • Corsi di formazione per 777 insegnanti sul tema dell’apprendimento attivo e sulle metodologie di supporto psicosociale (PSS);
  • Coaching e monitoraggio degli insegnanti. Tale attività sarà implementata attraverso strategie di coaching per insegnanti, supervisori e dirigenti scolastici e includerà tecniche “a misura di bambino”, sessioni individuali  di coaching cognitivo dedicato alle tecniche per la pianificazione e lavori congiunti tra insegnanti.

World street
Diario solidale