Terra di Tutti Film Festival: Voci dal mondo invisibile

 

L'EVENTO     Al via l'XI edizione del Terra di Tutti Film Festival, la rassegna di cinema sociale con documentari provenienti da tutto il mondo che quest'anno farà tappa a Bologna e a Firenze dal 12 al 15 ottobre. L'evento, organizzato da GVC e COSPE, prevede la proiezione di 20 film in concorso e 15 fuori concorso. Ai vincitori, due riconoscimenti:  il premio Benedetto Senni, del valore di mille euro, e quello in memoria di Giovanni Lo Porto, ex cooperante di GVC ucciso durante un'operazione statunitense anti-terrorismo. Quest'anno, anche altri due premi: quello Coop Alleanza 3.0 per i documentari dedicati ai diritti negati alle donne e quello Emilbanca Giovani, per chi ha raccontato il mondo degli under 18.  In anteprima, il 12 ottobre, la terza edizione di Media and Migrations dal titolo "Un mare di parole: la rappresentazione mediatica dei salvataggi in mare", incontro con ONG e giornalisti, nell'ambito del progetto Amitie Code del Comune di Bologna e in collaborazione con l'Università di Bologna. La nuova edizione sarà dedicata alle "voci da un mondo invisibile". 

I TEMI      Conflitti e migrazioni dal Medio e Vicino Oriente e il Nord Africa fino alla Fortezza Europa, dai campi in Giordania, Turchia, Libano fino a Calais o in Italia, dove la condizione più difficile da sopportare è quella mentale: questi i temi principali affrontati dai registi del Terra di Tutti Film Festival. 

 



 

LE TRAME     Durante la rassegna, verrà proiettato, in prima visione assoluta in Italia, "Astral" di Jordi Évole che racconta con un incredibile impatto narrativo e visivo la storia di un gruppo di soccorritori nel Mediterraneo che sono riusciti a portare in salvo migliaia di migranti in pochi mesi. E ancora la guerra in Siria: "La rivoluzione confiscata" di Paul Moreira racconta sei anni di conflitto siriano attraverso le voci dei rivoluzionari pacifici passati poi alle armi e costretti all'esilio, fuori dal paese per cui sognavano un futuro migliore. Tanti i film in concorso che raccontano storie provenienti da conflitti dimenticati, come quello in Congo, e quello ambientale in America Latina, sul fenomeno del land grabbing dall'Ecuador alla Colombia.

LE VOCI DELLE DONNE     Invisibili tra gli invisibili, le voci femminili, quelle delle madri palestinesi, irachene, afgane e siriane nei campi di rifugiati in Libano o quella rotta di Soukeina che racconta la propria maternità rubata dai 12 anni da "desaparecida" nelle carceri illegali marocchine riservate al popolo saharawi, fino all'incredibile storia di Hadijadatou, venduta come schiava bambina in Niger e prima donna a vincere per questo una causa legale contro il proprio paese. 

IL PROGRAMMA     Puoi leggere e scaricare il programma della XI edizione del Terra di Tutti Film Festival cliccando qui. 

Pubblicato il 12.10.2017