Cibo
Cibo

Sostegno alle popolazioni in condizioni di insicurezza alimentare


L’azione sostiene le famiglie molto povere più esposte all’insicurezza alimentare e nutrizionale nel comune di Yako, nella provincia di Passoré.

Burkina Faso
Paese (*)
Burkina Faso
Beneficiari
Beneficiari (*)
13.116

Partners internazionali

Groupe de Recherche et d'Échanges Technologiques (GRET)

Medicus Mundi Andalucia (MMA)

Enti finanziatori

Unione Europea - ECHO

Data inizio progetto

Aprile 2015

Durata

8 mesi

Descrizione
L’azione sostiene le famiglie molto povere più esposte all’insicurezza alimentare e nutrizionale nel comune di Yako, nella provincia di Passoré. Queste famiglie, che dipendono fortemente dagli acquisti alimentari ma hanno fonti di reddito limitate, sono particolarmente esposte all’insicurezza nutrizionale e alimentare. In vista del prossimo periodo di crisi alimentare potrebbero adottare strategie di sopravvivenza che determinerebbero il degrado irreversibile dei loro mezzi di sussistenza.
Obiettivi

Contribuire alla sicurezza alimentare e nutrizionale delle popolazioni vulnerabili del Burkina Faso. In particolare, migliorare la situazione alimentare e nutrizionale delle famiglie molto povere nella provincia di Passoré, regione del Nord.

Attività
  • Formazione a attori istituzionali e personale tecnico di strutture decentrate sull'approccio HEA e sul ruolo dei trasferimenti monetari, relativi alla tutela delle risorse
  • Targeting: identificazione e selezione delle famiglie vulnerabili in collaborazione con le strutture pubbliche
  • Distribuzione periodica di buoni alimentari; sessioni di sensibilizzazione sulla diversità alimentare
  • Distribuzione periodica di cereali per l'infanzia e monitoraggio dello stato nutrizionale dei bambini; partecipazione a incontri di advocacy e di contributo alla definizione di problemi e azioni sulla promozione / uso di cibo locale per l’infanzia
  • Esecuzione di uno studio comparativo di due strategie di prevenzione della malnutrizione acuta tra i bambini di 6-23 mesi

World street
Diario solidale