Cibo
Cibo

Società civile e sviluppo locale: le comunità al centro della lotta per l'eradicazione della fame.


Vogliamo prevenire la malnutrizione e rafforzare le capacità di resilienza delle popolazioni rurali, attraverso la copertura dei bisogni alimentari e una migliore gestione delle risorse agricole.

Burkina Faso
Paese (*)
Burkina Faso
Beneficiari
Beneficiari (*)
5.200 people

Partners locali

MAAH  - Ministère De l'Agriculture Et Des Aménagements Hydrauliques Du Burkina Faso;

Direction Provincial Passoré.

Enti finanziatori

Presidenza Consiglio – Fondi 8x1000

Data inizio progetto

Febbraio 2018

Durata

12 mesi

Descrizione
Nella provincia di Passorè le condizioni di sicurezza alimentare e nutrizionale della popolazione rurale sono da considerarsi cronicamente critiche. Durante la stagione delle piogge, le scorte alimentari del raccolto dell’anno precedente si esauriscono, mentre il nuovo raccolto deve ancora arrivare. Si tratta del periodo di maggior rischio, durante il quale le famiglie con poche capacità economiche, per accedere al cibo o a servizi di prima necessità, sono costrette a indebitarsi, a vendere i propri mezzi (terreni, materiale agricolo, bestiame di piccola taglia), a dedicarsi ad attività remunerate ma a scapito del lavoro agricolo. L’intervento mira ad assicurare un’alimentazione adeguata in quantità e qualità ai bambini in allattamento sotto i due anni, attraverso la distribuzione gratuita di farine infantili; alla protezione dei propri mezzi, aumentando la disponibilità alimentare attraverso la distribuzione di voucher alimentari da scambiare presso commercianti locali. Contribuisce, altresì, al rafforzamento della resilienza di queste famiglie in maniera durevole, introducendo itinerari tecnici più performanti e input produttivi adeguati, secondo i dettami LRRD (Linking Relief, Rehabilitation and Development).
Ulteriori info

Il progetto fa parte del Programma “LRRD” per rafforzare la resilienza delle comunità vulnerabili all'insicurezza alimentare e nutrizionale nelle province di Soum e Loroum.


World street
Diario solidale