Emergenza
Emergenza

Protezione e assistenza per i rifugiati siriani in Libano


Il progetto vuole contribuire alla protezione dei rifugiati e richiedenti asilo più vulnerabili tramite la fornitura di assistenza e servizi essenziali e attraverso empowerment e la mobilitazione della comunità.

Libano
Paese (*)
Libano
Beneficiari
Beneficiari (*)
11.000

Partners locali

BWE - Bekaa Water Establishment

Enti finanziatori

UE - ECHO

Data inizio progetto

Marzo 2016

Durata

12 mesi

Descrizione
In Libano, lo shock demografico dato dall’arrivo di un ingente numero di rifugiati siriani in fuga dalla guerra in combinazione con la diminuzione dell'attività economica, hanno creato una crisi complessa e prolungata. Nel paese la povertà tra i rifugiati è salita a un livello senza precedenti. La Valle della Bekaa è l'area che ospita il maggior numero di rifugiati, stanziati principalmente in Campi di Insediamento Informali (ITSs) dove l'accesso ai servizi di base è molto carente e i livelli di sicurezza e protezione per le famiglie sono molto scarsi. In tale contesto, l'azione mira a rafforzare la protezione dei rifugiati e dei richiedenti asilo più vulnerabili, fornendo una risposta multisettoriale (servizi igienico-sanitari e rifugi) tesa a ridurre gli ostacoli all'accesso a un asilo sicuro e dignitoso. Il progetto ha l'obiettivo di garantire norme umanitarie minime per i beneficiari, ponendo le basi per una strategia transnazionale in grado di fornire un approccio integrato capace di rispondere, in modo completo e imparziale, all’esigenze dell’aspetto della protezione nelle aree di intervento.
Obiettivi

Obiettivo Generale: contribuire al rafforzamento della protezione integrata della popolazione libanese e siriana più vulnerabile, fornendo una risposta di emergenza multisettoriale volta a preservarne la vita, prevenirne e alleviarne le sofferenze e mantenerne la dignità.

Obiettivo Specifico: garantire assistenza umanitaria – servizi igienico sanitari, rifugi e consapevolezza - alle comunità siriane e libanesi colpite dalla crisi.

Attività
  • Promuovere l’impegno delle comunità più vulnerabili in consultazioni comunitarie e processi partecipativi per identificare i bisogni di base – i rifugi e la fornitura igienico sanitaria;
  • Implementare l’adozione di un profilo di protezione nei Campi Informali in modo tale che vada esteso il punteggio di vulnerabilità alle aree non ancora assegnatarie;
  • Individuare meccanismi di protezione per le comunità di Masharia al Qa’a, assicurando il sostegno a persone a rischio, in modo tale che possano accedere ai servizi di protezione forniti dalle agenzie dei partner, organismi governativi o secondari specializzati;
  • Fornitura di servizi igienico sanitari e rifugi nei Campi Informali per garantire l’accesso ai servizi di base, una vita sicura e dignitosa;
  • Attuazione di campagne pubbliche complementari all'assistenza specifica fornita nell'area di riferimento.

World street
Diario solidale