Sviluppo socio-economico
Sviluppo socio-economico

PROM'ESS - Promozione e rafforzamento dell'Economia Sociale Solidale


Il progetto intende lavorare sul rafforzamento delle filiere produttive e vuole creare un nuovo spazio di partecipazione tra istituzioni e società civile.

Tunisia
Paese (*)
Tunisia
Beneficiari
Beneficiari (*)
240

Partners locali
  • UGIT - Union Générale Tunisienne du Travail;
  • RTES - Réseau Tunisien de l’Economie Sociale ;
  • Associazione Rayhana per Donne di Jendouba;
  • SYNAGRI - Syndicat des agriculteurs de Tunisie;
  • Ministero dell'Agricoltura, delle Risorse Idrauliche e della Pesca - Tunisia.
Partners internazionali
  • Nexus ER  - Nexus Solidarietà Internazionale Emilia Romagna;
  • CEFA - Comitato Europeo per la Formazione e l’Agricoltura Onlus;
  • COSPE Onlus;
  • Legacoop Emilia Romagna;
  • Comune di Reggio Emilia.
Enti finanziatori

RER – Regione Emilia-Romagna

Data inizio progetto

Aprile, 2017

Durata

12 mesi

Descrizione
La Tunisia, dopo la Rivoluzione dei Gelsomini del 2011, sta attraversando una fase di transizione democratica lenta e complessa, caratterizzata da importanti passi avanti rispetto alle garanzie di libertà politica e sul fronte politico e dei diritti umani. Nonostante ciò, il paese resta in bilico tra richieste di democratizzazione e forte accentramento del potere. In campo economico, le fragilità strutturali come le forti disparità regionali, la disoccupazione giovanile e femminile e la presenza massiccia dell’economia informale, continuano a mantenere un forte peso. Il settore privato fatica a creare nuovi posti di lavoro, mentre quello pubblico presenta, in diversi settori, gravi problemi di soprannumero. L’azione ha l’obiettivo di rafforzare le imprese solidali e i processi partecipativi di costruzione di politiche pubbliche di Economia Sociale e Solidale (ESS) - strategia riconosciuta a livello internazionale come capace di generare posti di lavoro durevoli e imprese competitive, sostenibili e legate al territorio. L’ESS è inoltre, a livello economico e sociale, fortemente ancorata a pratiche democratiche. In tal modo essa incentiva e rafforza il dialogo tra istituzioni e società civile sostenendo il processo di transizione democratica del paese. Il progetto prevede spazi di incontro tra istituzioni e società civile promuovendo l'ownership degli interventi e stimolando azioni di sviluppo sostenibile.
Obiettivi

Obiettivo Generale: consolidare le dinamiche partecipative di sviluppo locale nell'ambito dell'Economia Sociale e Solidale, creando opportunità di reddito e lavoro dignitoso per giovani e donne disoccupati.

Obiettivo Specifico: supportare imprese, associazioni, gruppi che adottano ed operano secondo i principi dell'Economia Sociale e Solidale favorendone il riconoscimento e il sostegno all'interno di politiche pubbliche rinegoziate tra società civile e istituzioni.

Attività
  • Programma di Assistenza Tecnica per 12 imprese e associazioni dell’Economia Sociale e Solidale offerta da esperti dei vari settori. L’assistenza tecnica verterà sulle seguenti aree: gestione di impresa (contabilità e rispetto norme di governance), miglioramento delle tecniche produttive e marketing;
  • Allocazione di fondi per la fase  post start up di impresa, usati per finanziare almeno 4 piani di investimento al fine di aumentare la sostenibilità d'impresa;
  • Attivazione di un gruppo di lavoro tra ministeri competenti, partner di progetto e rappresentanti di esperienze pilota per l’accreditamento delle imprese ESS;
  • Incontri di scambio di best practices. L’attività rafforza l’accreditamento delle imprese sociali e solidali presso le istituzioni coinvolte - Ministero dell’Agricoltura e Pesca, Ministero della Formazione Professionale ed Impiego, Ministero degli Affari Sociali - ed è altresì mirata ad inserire le imprese sociali e solidali beneficiarie nei programmi di finanziamento della Banque Tunisienne de Development;
  • Strutturazione del dialogo partecipativo tra i vari attori  (sindacato imprese solidali e cooperative, associazioni, parlamento e governo) sulla riforma legislativa per l’Economia Sociale e Solidale e suo rafforzamento attraverso un meccanismo di Consulta popolare che diffonda la Proposta di Legge integrata dagli apporti della società civile;
  • Evento di visibilità organizzato in Emilia-Romagna in collaborazione con i festival regionali già organizzati dalle ong partner di progetto (Itacà, Terra di tutti film Festival, Festival dei Diritti Ferrara) disseminando le buone pratiche del progetto grazie a testimonianze degli esperti che hanno collaborato al progetto.

World street
Diario solidale