Diritti
Diritti

Périphérie Active


Il progetto mira ad ampliare le possibilità delle comunità residenti nelle regioni periferiche della Tunisia di partecipare, in maniera efficace e strutturata, al processo di riforma costituzionale.

Tunisia
Paese (*)
Tunisia
Beneficiari
Beneficiari (*)
250.000

Partners locali

Horizont (Menzel Bouzaiane);

Union Des Diplômés Chômeurs (Regueb).

Partners internazionali

Accun (TN);

Associazione Ya Basta (IT).
 

Enti finanziatori

Unione Europea 

Regione Emilia Romagna

Data inizio progetto

Ottobre 2012

Durata

30 mesi

Descrizione
Il progetto interessa l’insieme del territorio tunisino e in particolare le zone e le regioni svantaggiate, urbane e rurali del Governatorato di Sidi Bouzid: le Delegazioni di Sidi Bouzid, Regueb e Menzel Bouzaiane. La sfida principale, soprattutto per queste regioni periferiche e svantaggiate e per i settori più vulnerabili della popolazione, è quella di avere l’opportunità di partecipare, in maniera efficace e strutturata, al processo di riforma costituzionale in corso dal 2011.
Obiettivi

L’obiettivo generale del progetto è di contribuire al rafforzamento del ruolo della società civile tunisina nell’ambito della transizione democratica e della promozione dei diritti umani, in particolare nella regione svantaggiata di Sidi Bouzid.
Nello specifico il progetto mira a promuovere una cittadinanza attiva e tollerante, attraverso il supporto al diritto all’informazione e alla libertà d’espressione, e attraverso la messa in rete a livello locale e nazionale della società civile. Si vuole, infatti, sostenere l’inclusione sociale, economica, culturale e politica dei gruppi vulnerabili, in particolare giovani e donne, attraverso la diffusione delle tecnologie di comunicazione e di informazione (TIC) e attraverso la promozione della loro partecipazione in seno alla società civile organizzata. L’obiettivo è inoltre quello di promuovere l’inclusione delle donne e il loro ruolo attivo nella società civile.

Attività
  • Accrescere e migliorare la diffusione delle tecnologie di comunicazione e dell’informazione indipendente, così come degli strumenti di partecipazione alla vita democratica nazionale attraverso l’esperienza pilota dei tre Media Center Comunitari.
  • Valorizzare e rafforzare le capacità dei giovani tunisini (e delle associazioni di cui fanno parte) rispetto alla partecipazione e alla costruzione di una cittadinanza attiva e inclusiva capace di contribuire al processo di transizione democratica. In questa fase i tre Media Center Comunitari diventeranno il punto di riferimento per l'inclusione sociale, economica, culturale e politica delle persone appartenenti a gruppi vulnerabili: saranno luoghi di incontro, di formazione e di produzione culturale e informazione indipendente. Le attività principali sono la formazione dei formatori locali e la creazione di nuove capacità spendibili dalle organizzazioni della società civile.
Download scheda programma

World street
Diario solidale