Jamaity Awards: un premio per progetti di Governance Locale

La partecipazione attiva ai processi politici locali e il rafforzamento delle organizzazioni della società civile sono due dei tanti obiettivi che perseguiamo con i nostri progetti di sostegno e di consolidamento dei diritti della società in Medio Oriente e Nord Africa.

Infatti, lavoriamo in Tunisia, Giordania, Libia e Palestina a favore della democrazia, promuovendo la formazione delle associazioni della società civile, attraverso la creazione di possibilità di dialogo con gli attori istituzionali e favorendo la partecipazione di tutti i cittadini, soprattutto i più giovani, ai processi di riforma politica.

Proprio a Tunisi, lo scorso 2 febbraio abbiamo partecipato alla cerimonia Jamaity Awards, realizzata dall’associazione tunisina Jamaity,  come promotori del premio per la sezione Governance Locale. Attiva dal 2014, Jamaity è una piattaforma nata per facilitare la creazione di un network di associazioni locali tunisine, favorire l’accesso alle informazioni e la condivisione di opportunità all’interno di questa rete.

Il Jamaity Awards è quindi un’iniziativa per incoraggiare le associazioni a mettersi in gioco, proporre nuove modalità di partecipazione, di sviluppo  e di scambio di buone pratiche tra le realtà locali, regionali e internazionali.

90 i progetti presentati per le 5 differenti categorie: Inserimento economico e creazione di impiego, Ambiente, Cultura, Governance Locale e  Partecipazione comunitaria. Il premio Governance Locale è indirizzato ad associazioni  che con i loro progetti mirano alla condivisione e alla messa in pratica di modalità di partecipazione, inclusione e coesione tra cittadini e istituzioni pubbliche locali.

Ad aggiudicarsi il premio Governance Locale, l’associazione Gabes Action con il progetto "Renforcement du rôle de la société civile dans les conseils régionaux et locaux dans la région de Gabès" finalizzato a consolidare il principio di cittadinanza e rafforzare la partecipazione di tutti i cittadini, in particolare le donne e i più giovani, al rafforzamento delle organizzazioni della società civile e a garantire la loro presenza all’interno dei consigli locali e regionali.

Il progetto, realizzato in partenariato con il Centre de la Femme Arabe pour la formation et la Recherche (CAWTAR), coinvolge in maniera efficace le associazioni locali nel seguire e revisionare tutte le proposte di sviluppo pianificate o realizzate nella regione

Qui puoi vedere alcune foto della cerimonia.

Pubblicato il 05.02.2017