G7 Ambiente a Bologna

Mentre Donald Trump prepara il disimpegno dagli Accordi di Parigi sul clima, i cittadini organizzano una settimana di informazione, dibattito, contestazione e musica. Più di venti iniziative si svolgeranno a Bologna tra la Facoltà di Giurisprudenza di via Belmeloro 14, Làbas Occupato, Le serre dei Giardini, Parco dei cedri il Parco 11 Settembre. La chiamata del coordinamento “G7M – Ambiente alla base, non al vertice!” ha ottenuto un grande successo di partecipazione e proposte: si va dal laboratorio teatrale di AMO Bologna al dibattito con gli esponenti della lotta contro il TAP in Salento. Le tre giornate si concluderanno con il corteo dell’11 giugno che partirà alle 15 dal Parco 11 Settembre, per portare in piazza l’opposizione popolare ai 7 Grandi e alla svolta negazionista di Donald Trump.

“Metteremo al centro i temi e il merito delle questioni ambientali” – dichiarano gli organizzatori di G7Mobilitiamoci –“Le teorie negazioniste non ci rappresentano, partiamo dalle evidenze scientifiche e dall’informazione delle persone per rivendicare un radicale cambio di passo nelle politiche sull’ambiente. La situazione è drammatica, i 7 Grandi sono divisi per i propri interessi particolari. Dobbiamo scendere in piazza l’11 giugno per mettere al primo posto le proposte della società civile e denunciare l’ipocrisia dei nostri governanti.”

“Le misure repressive sono un modo per intimidire i cittadini che vorrebbero scendere in piazza” – aggiungono – “Ma i 7 Grandi non ci fanno paura: mentre loro saranno chiusi nel Palazzo, noi saremo nelle piazze e nelle strade a manifestare e informare. Il 9 giugno ci sarà una tavola rotonda di apertura con i Water Protector, gli attivisti venuti direttamente dal Nord Dakota per portare in Europa la loro lotta contro l’oleodotto DAPL (Dakota Acces Pipeline) e a seguire ci sarà un grande concerto con artisti come Colle der Fomento, Capovilla e tanti altri.

In occasione di questa settimana di iniziative lunedì 5 giugno organizzremo insieme a COSPE l'evento "Acqua, Terra e Migrazioni Ambientali".

Per maggiori informazioni clicca qui.

Pubblicato il 05.06.2017