Conferenza Coopera, GVC: "Il futuro che vogliamo"

Nei suoi oltre 40 anni di storia – dai primi interventi sanitari nell’ ex Zaire, fino ad oggi, con i suoi interventi umanitari in aree come la Siria e il Libano - GVC ha sostenuto un modello di cooperazione allo sviluppo basato sulla sostenibilità e su strategie adattative volte a sostenere le capacità di resilienza delle comunità, agendo in sinergia con le altre ong e le istituzioni locali. Ora i tempi sono maturi perché questo modello condiviso e applicato da GVC in oltre venti paesi del mondo non solo si consolidi ma faccia un ulteriore passo in avanti.


L'ESPERIENZA DI GVC     “Nella sua storia, dal 1971 ad oggi, GVC ha visto le dinamiche tra Occidente, Oriente e Sud del mondo cambiare. Non sono di certo diminuite le disuguaglianze e le ingiustizie, che hanno toccato record storici, ma la diffusione della tecnologia ha reso possibile l’interconnessione tra paesi e persone”. A spiegarlo è Dina Taddia, presidente di GVC, che dopo la Conferenza Coopera, organizzata dal ministero degli Esteri e dall'AICS, ci racconta le evoluzioni e gli scenari auspicabili per la cooperazione italiana del futuro che si muove verso gli obiettivi di sviluppo sostenibile 2030.

IL FUTURO DELLA COOPERAZIONE     “Ora, però, è indispensabile che si passi da una visione dello scambio unidirezionale a una concezione circolare, tra pari, della cooperazione internazionale- continua-. E’ necessario fare emergere i legami che ci uniscono e che ci rendono interdipendenti, guardando ad un nuovo modello di economia e di sviluppo che veda tutte le parti delle società coinvolte e ugualmente responsabili nei confronti di un continente come quello africano che nel 2050 avrà il doppio degli abitanti”. E’ solo così che si creeranno le condizioni perché le persone possano scegliere di migrare e non essere costrette a farlo.

UN MODELLO APERTO A TUTTI    Per questo GVC crede in un modello circolare della cooperazione allo sviluppo che coinvolga istituzioni e società civili di tutti gli stati e che assorba nel processo anche gli sforzi di nuovi soggetti, come i centri di ricerca e le università, le B corporation e le imprese. “Il privato potrebbe rappresentare per la cooperazione una risorsa importante per la crescita di intere comunità nel mondo. E non è un caso se molte nazioni stanno seguendo questa direzione- conclude Taddia-. A condizione, però, che le aziende condividano i valori della cooperazione di rispetto dei diritti umani e delle società coinvolte e che abbiano la volontà di sostenerne la crescita”.

26 gennaio 2018

Leggi anche:
Burkina Faso, GVC ora è Cavaliere
GVC tra i rifugiati in Burundi contro l'AIDS
Scuola, un futuro per i bambini siriani
Burkina Faso, avviata la consegna dei buoni alimentari
Il report delle attività di GVC nel 2016
Aspiranti make up artist e fotografi al confine siriano
Accoglienza, Napoli Città Rifugio: GVC firma protocollo con il Comune

Vuoi essere informato su tutte le attività di GVC nel mondo? Iscriviti gratis al nostro periodico e lo riceverai a casa. Clicca qui e compila il form con i tuoi dati e il tuo indirizzo!

Pubblicato il 26.01.2018