EAS
EAS

Citizens Without Borders


Un progetto per la formazione di un cittadino europeo consapevole dei propri diritti di movimento e residenza

Italia
Paese (*)
Italia
Beneficiari
Beneficiari (*)
400.500

Partners locali

Teleradio City (Italia);

FASTI - Federation des Associations de Solidarité avec les Travailleur/euse–s Immigre/e/s (Francia);

ACC - Asociaciòn Consorcio de Cooperaciòn (Spagna);

Apel (Romania);

SOZE - Society of Citizens Assisting Emigrants (Repubblica Ceca)

Enti finanziatori

Commissione Europea - DG Giustizia

Data inizio progetto

Dicembre 2012

Durata

24 mesi

Descrizione
Citizens Without Borders è un progetto finanziato dalla Commissione Europea che coinvolge cinque paesi Europei(Italia, Spagna, Francia, Repubblica Ceca, Romania) e sei differenti operatori locali: l’obiettivo principale del progetto è promuovere nei cittadini europei e negli operatori legali e burocratici la consapevolezza e la conoscenza delle leggi europee su libertà di movimento e diritti di residenza sanciti dalla Direttiva europea 2004/38/CE. Secondo i Rapporti e le Guide della Commissione, il processo di trasposizione della Direttiva 2004/38/CE è ancora in corso: permane una forte disparità tra quanto previsto dalla legislazione e quanto accade nella realtà. Paragonando le condizioni di accesso dei cittadini europei nei vari Paesi coinvolti ai diritti normativamente previsti, il progetto vuole definire strategie per diffondere buone pratiche e trattamenti favorevoli in uso, con un'attenzione particolare ai diritti dei soggetti identificati come più vulnerabili quali i familiari dei cittadini comunitari specialmente se non europei, le comunità rom e i partner dello stesso sesso.
Obiettivi

L'obiettivo generale del progetto è quello di sensibilizzare e migliorare le conoscenze del cittadino Europeo e degli operatori legali e burocratici sulle norme comunitarie in materia di libera circolazione e di soggiorno, e di migliorare l'attuazione di tali diritti per i cittadini UE ed i loro familiari, con particolare attenzione ad alcuni aspetti critici delle singole applicazioni nazionali dei diritti dei cittadini UE residenti non nel loro paese d'origine: per esempio, i certificati di registrazione, la carta di soggiorno e di accesso a servizi quali l'assistenza sanitaria e prestazioni sociali.

Attività
  • Ricerca sulle buone pratiche ed i trattamenti favorevoli esistenti negli Stati coinvolti;
  • Pubblicazione dei risultati raccolti;
  • Creazione ed attuazione di un piano strategico di diffusione delle buone pratiche;
  • Lezioni di formazione in materia;
  • Tutoraggio online e di e-learning;
  • Consultazioni;
  • Creazione di reti locali di help desk;
  • Creazione di pagine web interattive;
  • Creazione e pubblicazione Newsletter;
  • Incontri locali con PA e responsabili politici;
  • Congresso Nazionale e conferenze stampa;
  • Congresso Internazionale;
  • Campagna di comunicazione dedicate;
  • Pubblicità attraverso i media e siti web;
  • Info-point TTFF
Download scheda programma

World street
lavora con noi