Ambiente
Ambiente

Chipaya, tra tradizione e tecnologia, verso un comune resiliente


Il programma vuole migliorare le condizioni di vita del Popolo indigeno Uru Chipaya attraverso il potenziamento e la diversificazione dei suoi mezzi di sussistenza

Bolivia
Paese (*)
Bolivia
Beneficiari
Beneficiari (*)
1.814

Partners locali

CEBEM - Centro Boliviano de Estudios Multidisciplinarios

Enti finanziatori

Unione Europea

Data inizio progetto

Febbraio 2015

Durata

36 mesi

Descrizione
Il progetto intende contribuire al miglioramento delle condizioni di vita del popolo indigeno Uru Chipaya attraverso attività finalizzate al recupero dei saperi ancestrali e delle buone pratiche che hanno permesso alla popolazione indigena di vivere ed adattarsi per secoli in un territorio caratterizzato da condizioni ambientali estreme. La situazione di isolamento sociale e geografico può essere migliorata introducendo nuove tecnologie che servano a incrementare la produttività e a diversificare le fonti di reddito, riducendo così la vulnerabilità alle condizioni climatiche avverse e generando nuove fonti di occupazione per i giovani Chipaya.
Obiettivi

Migliorare le condizioni di vita del Popolo indigeno Uru Chipaya diversificando e rafforzando i loro mezzi di sussistenza, ed in particolare rafforzare la resilienza del comune di Chipaya per far fronte al cambiamento climatico, economico e sociale.

Attività
  • Piano municipale di contingenza per inondazioni e siccità
  • Sistematizzazione e miglioramento del piano di gestione del fiume Lauca attraverso il recupero di saperi ancestrali
  • Introduzione di colture ad alto valore commerciale
  • Valorizzazione delle esperienze dei migranti
  • Scambio di esperienze con le popolazioni indigene sull’adattamento ai cambiamenti climatici
  • Costituzione di pratiche comunitarie
  • Formazione sull'uso delle Tecnologie di Informazione e comunicazione (TIC)  
  • Realizzazione di un museo vivente
  • Promozione turistica
  • Sovvenzioni competitive per le piccole imprese locali 

World street
Diario solidale